2016 fascicolo I

Memorie

Ivan Armenteros-Martínez, Los orígenes de un nuevo modelo: cómo la llegada del Islam transformó las prácticas esclavistas en la Europa de los siglos Viii-xiii

Obiettivo di questo lavoro è mostrare le trasformazioni provocate dall’irruzione dell’Islam nel modello di schiavitù tardoantica e altomedievale. La diffusione dell’Islam infatti modificò le relazioni mediterranee che avevano caratterizzato il mercato degli schiavi nell’Europa occidentale. Durante questo processo, che si svolge a partire dall’VIII per culminare nel XIII secolo, ma con conseguenze fondamenteli per gli sviluppi successivi nel Mediterraneo e nell’Atlantico coloniale, le strutture della schiavitù classica furono adattate e reinterpretate in un nuovo contesto nel quale il musulmano finì per diventare sinonimo di schiavo.

The aim of this paper is to show the changes that the emergence of Islam caused in the Late Antiquity and Early Medieval model of slavery. The arrival of Muslims changed the slave relationships developed in Western Europe up to that time. During this process, which started in the mid-eighth century and culminated in the early thirteenth century, and that was essential for the further development of the institution both in Late Medieval and Modern Mediterranean and the colonial Atlantic scenarios, the structures of classical slavery were adapted and reinterpreted in a new context in which Muslims were identified as the paradigm of an enslaved person.

Vincenzo D’Alessandro, Società e potere nella Sicilia medievale. Un profilo

Il saggio delinea una rapida rivisitazione della storia siciliana dal XII al XVI secolo della tradizione storiografica, della strutturazione ed evoluzione della società e dei ceti di potere, attraverso la partecipazione degli immigrati, esuli o fuorusciti o mercanti, specie dalla penisola, radicati in Sicilia in quei secoli, e, quindi, della evoluzione degli assetti istituzionali e delle vicende economiche.

The essay is a rapid reassessment of Sicilian history from the 12th to the 16th, concerning the structures and evolution of the society and the upper classes, the involvement of the immigrants, exiled/expatriated or merchants, especially from the Peninsula, settled-down in Sicily in those centuries, and, therefore, of the evolution of the institutional orders and the economic events.

 

Luca Lo Basso, Il finanziamento dell’armamento marittimo tra società e istituzioni: il caso ligure (secc. XVII-XVIII)

A partire dall’età classica il metodo più esteso per investire nel commercio fu il prestito marittimo, denominato in epoca medievale e moderna, mutuo o cambio. Tale investimento, largamente adoperato sia in area mediterranea, sia in area nordica, per semplicità ed efficacia, si diffuse in tutti gli strati sociali. In questo contesto il caso ligure si presta come paradigma per meglio comprendere l’ampiezza e l’importanza del fenomeno tra il XVII ed il XVIII secolo, alla luce di una corposa documentazione archivistica sia di matrice pubblica, sia di matrice privata.

Starting from the Classical age, the maritime loan – called bottomry since the Medieval period – has been the most common way to invest in trading. This kind of investment, widely used both in the Mediterranean and the Nordic areas due to its simplicity and efficacy, spread over all social strata. In this context, the Ligurian case becomes useful as a paradigm in order to better understand the extent and the significance of this phenomenon between the XVIIth and the XVIIIth century,  observed through a rich archival documentation of both public and private origin.

 

Nina Knieling, Pro captu lectoris habent sua fata libelli. Collezionismo librario e diffusione delle idee illuminate alla corte di Pietro Leopoldo

La biblioteca privata dei Granduchi Pietro Leopoldo e Maria Luisa a Firenze da un esempio straordinario di collezioni di un sovrano bibliofilo e la sua famiglia nella seconda meta del settecento oggi quasi integralmente conservati nella Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze. Attraverso la ricostruzione della genesi della biblioteca diventa possibile rintracciare dettagliatamente i modi di acquisizione sul mercato librario al livello europeo e il transfert culturale delle idee illuminate prevalentemente francesi. Inoltre le fonti archivistiche e librarie visualizzano la funzione e l’uso della biblioteca come strumento di lavoro e luogo del sapere settecentesco e sottolineano il ruolo particolare della biblioteca per l’educazione degli arciduchini alla reggia di Pitti.

The private library of the Grand Dukes Pietro Leopoldo and Maria Luisa in Florence is considered a prime example of collections of a bibliophile sovereign and his family in the second half of the 18th century, which today is largely conserved in its original form in the Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze. The reconstruction of the collection development allows us to recognize accurately the strategies for acquisitions on the European book market as well as the cultural transfer of enlightened ideas particularly from France. Archival and library sources visualize the function and use of the library as the sovereigns’ reference collection as well as a place of 18th century knowledge, and demonstrate the importance of the library for the education of the Grand Dukes’ children at the residence Palazzo Pitti in Florence.

.

 

Discussioni

Renzo Sabbatini, La storia è sempre in costruzione: a proposito di Writing History in the Global Era di Lynn Hunt

The most recent contribution by the paladin of cultural history Lynn Hunt, Writing History in the Global Era, offers us many interesting points and occasions of rethinking, even critical ones but always very stimulating. Author’s argumentative line is divided into four chapters: The rise and fall of cultural theories; The challenge of globalization; Rethinking society and the self; New purposes, new paradigms. They are usefully themes to be discussed by the Italian historiography too, because – as Lynn Hunt concludes – «history is always under construction».

 

Recensioni

Mario Marrocchi, Monaci scrittori. San Salvatore al monte Amiata tra Impero e Papato (secoli VIII-XIII) (Enrico Faini)

Joana Barreto, La Majesté en images. Portraits du pouvoir dans la Naples des Aragon (Fulvio delle Donne)

Fabien Levy, La monarchie et la commune. Les relations entre Gênes et la France, 1396-1512 (Enrico Basso)

Federica Ambrosini, Una gentildonna davanti al Sant’Uffizio. Il processo per eresia a Isabella della Frattina, 1568-1570 (Matteo Duni)

Marina Caffiero, Storia degli ebrei nell’Italia moderna. Dal Rinascimento alla Restaurazione (Samantha Maruzzella)

Giuseppe Caridi, Un grande re riformatore a Napoli e in Spagna (Francesco Paolo Tocco)

Daniele Di Bartolomeo, Nelle vesti di Clio. L’uso politico della storia nella Rivoluzione francese (1787-1799) (Beatrice Donati)

Gian Enrico Rusconi, Marlene e Leni. Seduzione, cinema e politica (Jacopo Tisato)

 

Notizie

Michael Mitterauer – John Morrissey, Pisa nel Medioevo. Potenza sul mare e motore di cultura

Lorenzo Tanzini, A consiglio. La vita politica dell’Italia dei comuni

Laura Balletto, Notai genovesi in Oltremare. Atti rogati a Chio nel XIV secolo dal notaio Raffaele de Casanova

Estados y mercados financieros en el Occidente cristiano (siglos XIII-XVI)

Giuseppe Praga, Scritti sulla Dalmazia

Maria Paola Zanoboni, Scioperi e rivolte nel Medioevo. Le città italiane ed europee nei secoli XIII-XV

Il Tristano Corsiniano, a cura di Gloria Allaire

Christophe Masson, Des guerres en Italie avant les Guerres d’Italie. Les entreprises militaires françaises dans la Péninsule à l’époque du Grand Schisme d’Occident

Stefanie Solum, Women, Patronage, and Salvation in Renaissance Florence. Lucrezia Tornabuoni and the Chapel of the Medici Palace

Hacienda, mercado y poder al norte de la Corona de Castilla en el tránsito del medioevo a la modernidad, a cura di Ernesto García Fernández e Juan A. Bonachía Hernardo

La Misericordia di Rapolano. La storia, l’oratorio e altro, a cura di Doriano Mazzini

La Serenissima a Cipro. Incontri di culture nel Cinquecento, a cura di Skoufari Evangelia

Oltre la sfera pubblica. Lo spazio della politica nell’Europa moderna, a cura di Massimo Rospocher

Meredith K. Ray, Daughters of Alchemy. Women and Scientific Culture in Early Modern Italy

Supernatural and Secular Power in Early Modern England, a cura di Marcus Harmes and Victoria Bladen

Angela Barreto Xavier – Ines G. Zupanov, Catholic Orientalism, Portuguese Empire Empire, Indian Knowledge (16th-18th Century)

Everyday Magic in Early Modern Europe, a cura di Kathryn A. Edwards

Paola Avallone, Alle origini del credito agrario. I monti frumentari nel Regno di Napoli e le riforme di fine ’700

Stefano Mangullo, Dal fascio allo Scudo crociato. Cassa del mezzogiorno, politica e lotte sociali nell’agro pontino (1944-1961).

 

Archivio Storico Italiano – ISSN  0391-7770